. Ducato dei Vini Friulani



 

La Contea Romana

Costituito il 19 Ottobre 1972 per iniziativa del Cancelliere  Isi Benini, il Ducato dei Vini  friulani si propone di difendere e diffondere la valorizzazione  dei vini Friulani e la gastronomia del Friuli Venezia Giulia. Distintivo dell'Associazione è il Collare Rosso con Medaglione recante l'aquila aquileiese e  grappoli d'uva.Ha sede  in Udine. Duca  attuale è  PIERO I (PIERO VILLOTTA) (preceduto da noe' bertolin, Emilio del Gobbo, Ottavio Valerio e l'on. Vittorio Marangone).La Contea di Roma, già retta da Aldo Meroi, Teresa Mizzau e Romeo Fattori è presieduta dal Grand'Uff. Fabrizio Tomada I. Ha sede presso il Fogolâr Furlàn.

I  vini

Otto zone a DOC per 12.105 ettari poco più della metà coltivate a varietà bianche, il resto a rosse.. Un terzo di bottiglie è esportato, soopratutto in Germania. Il più celebre dei vini friulani è il picolit, rarissimo e di moda nelle corti di tutta europa Altro vino autocono rosso in cima ai gradimento  è lo schioppettino prodottto a  cavallo tra le zone doc dei colli orientali e del Collio. C'è un terzo vino tutto e solo friulano ed è il ramandolo (specilaità di Verduzzo )collocato sulle  colline intorno a Nimis nella zone celebre per la produzione del tocai FRIULANO (ora denominato FRIULANO dopo le recenti dispute con gli ungheresi), il merlot, il sauvignon, il refosco. 

 

Appuntamenti

   

Si ricorda ai Nobili della Contea Romana  di pagare la quota annuale 2013 attraverso il Bollettino di euro 60,00 versandolo direttamente al Ducato dei Vini Friulani e informando contestualmente  la segreteria di Roma (tel. 06. 3226613). Per informazioni contattare info@ducatovinifriulani.it

 

Evento Arlef al MAT di Roma

Nella giornata dedicata al Friuli, organizzata in collaborazione con la società Present e  l’Arlef (Agjenzie regjonâl pe lenghe furlane) dal Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari all’Eur, martedì 19 maggio 2015 il conte  Fabrizio I° ha riunito i nobili della Contea di Roma per dar corso, assieme al Duca Piero I° (Piero Villotta), alla cerimonia di “intronizzazione” di  un nuovo nobile. Gianluca Ruotolo, avvocato dell’ENEL, udinese doc, da diversi anni nella capitale, va ad irrobustire le fila della cospicua squadra di nobili della contea. Dopo la presentazione delle credenziali dell’aspirante, Fabrizio I° ha lasciato che il Duca procedesse al rito di investitura attraverso la formula verbale, il sorseggiare del calice di vino e la consegna del diploma.  Alla cerimonia sono intervenuti diversi nobili provenienti dalla Capitale e dall’Agro Pontino, inoltre  il presidente del Fogolâr Furlan di Roma Pittoni e dell’Udinese Club romano Ugo Bari, nobili entrambi che hanno dato il loro caloroso benvenuto  nella grande famiglia del Ducato dei Vini Friulani al neo nobile. Al termine del breve, ma intenso rituale di “intronizzazione”,  tutti i presenti si sono trasferiti sull’ampia balconata  del MAT per degustare il di-vino buffet allestito dalla “Casa della Contadinanza” di Udine.

Al Museo della Arti e delle Tradizioni Popolari il nuovo nobile Gianluca Ruotolo.

 

S. VALENTINO  DI-VINO

E’ da Trimani in via  Cernaia , al Trimani Wine bar - che si distingue dalla vineria Trimani  di Via Goito - che si è riunita la “nobiltà” della Contea Romana del Ducato dei Vini friulani.Un gruppo di oltre 25 persone che  si è ritrovato  insieme, sabato 14 febbraio 2015, giorno degli innamorati, per sottolineare con forza  che quell’amore immenso  che ognuno che conosce la terra, la gente friulana  porta nel cuore il Friuli , quella  terra dallo spirito di-vino,   che una volta conosciuta  non si  scorda più.  Ci si è ritrovati per non dimenticare il profumo di quelle terre , il colore  delle vallate su e su fino alle alpi Carniche e Giulie dove in questi giorni spicca sui monti   il bianco della neve che resterà ancora per qualche mese lassù in alto… Ci si è ritrovati per gustare i “sapori” del Friuli  attraverso  un calice di vino,  ascoltare il chiacchiericcio festoso ed allegro dei friulani in compagnia Tutto in amicizia e serenità . Ecco così in maniera semplice ci si è raccolti vecchi e nuovi amici ,”nobili “ e dame ,intorno ad un tavoliere  che sembrava un giardino ricco di abbondanza e prosperità nella scelta. Un pomeriggio trascorso a parlare delle prossime iniziative della Contea Romana  del Fogolâr delle nostre attività.Il Conte Fabrizio  I° insieme al Presidente del Fogolâr Pittoni  hanno tenuto alto  lo spirito della serata …e non solo lo spirito ma alto il calice brindando con tutti i presenti fra i quali  il presidente dell’Udinese Club generale Bari, nobile con indosso il collare rosso, l’amico Franciosa ed illustri “nobili”  dame ed amici simpatizzanti .Abbiamo ricordato Adriano Degano indimenticato “nobile d’onore” e tutti i collari rossi che ci hanno lasciato.Un saluto deferente è stato rivolto al Duca Piero infaticabile  anima del Ducato dei Vini friulani. Ecco così sono trascorse alcune ore in quell’ “osteria” che abbiamo eletto a delegazione delle Contea di Roma in un pomeriggio nel giorno degli innamorati. Grazie

Da Trimani, 14 febbraio 2015

 

IL FRIULI INCONTRA L’UNGHERIA - SERATA TOCAI

Venerdì 6 Dicembre 2013. L’Accademia di Ungheria (Palazzo Falconieri, Via Giulia 1, a pochi passi da piazza Farnese, direzione Lungotevere) promuove la manifestazione dal titolo “Il Friuli incontra l’Ungheria”.  Anteprima alle ore 19.00 con proiezione del film-documentario “Guido Romanelli, missione a Budapest”, \regia di Gilberto Martinelli.  Alle ore 20.30 seguirà la conferenza “C’era Una Volta Il Tocai”, Tokaji e Friulano nella storia e nella letteratura con accompagnamento musicale del gruppo goriziano Athanor Guitar Quartet. Interverranno Roberto Ruspanti, Enos Costantini, Elisabetta Biondi. Rinfresco con degustazione del vino Friulano. L’evento è organizzato in collaborazione con ERSA e Forum Editrice.  Gli interessati sono pregati di telefonare al Fogolâr al n° 06 3226613  (dalle ore 9,00 alle 12,30).Per i nobili della Contea che interverranno è gradito il collare rosso.

 

INCONTRO DI VINO AD ORVIETO E MONTEFIASCONE

In relazione alle comunicazioni del Conte Fabrizio I° (riportate di seguito) inerenti alla Gita ad Orvieto organizzata per il 9 novembre  2013 dal Fogolâr Furlan e dalla Contea Romana del Ducato dei Vini friulani si precisa che i Nobili interessati possono prenotarsi chiamando presso il Fogolâr al n° 06 322 6613.

Comunicato ai Nobili della Contea: Gita ad Orvieto 9 -11-2013
 

IN ONORE DEL PRESIDENTE DEGANO

Tutti i Nobili della Contea Romana del Ducato dei Vini friulani  alziamo il calice di-vino per Adriano Degano e gli auguriamo buon compleanno.
Conte Fabrizio I°

 

Comunicazione del Conte ai Nobili della Contea di Roma 26 feb.2013

 

LA “CONTEA” A VINÒFORUM 2013 PER CELBRARE MYO’ DI ZORZETTIG

La Conte Romana del Ducato dei Vini friulani rappresentata dal Conte Fabrizio I° (Fabrizio  Tomada) e dal nobile  Leopoldo Gobbi ha preso parte all’evento organizzato dell’azienda friulana  Zorzettig, giovedì 13 giugno 2013. nell’ambito della 10ma rassegna Vinòforum, manifestazione svoltasi a Roma dal 7 al 22 giugno, nella splendida cornice dei giardini antistanti la Farnesina in  Lungotevere Maresciallo Diaz . Riunite  le migliori aziende vitivinicole italiane e internazionali per promuovere la cultura enogastronomica del nostro Paese.La delegazione è stata accolta calorosamente nel grande padiglione eventi dalla titolare dell’azienda di Spessa di Cividale la splendida  Annalisa Zorzettig  insieme alla sua stretta collaboratrice Lucia Fabris.Nel corso della rassegna, Zorzettig ha potuto esporre gli ottimi vini  prodotti nel cuore dei Colli Orientali del Friuli, a Spessa di Cividale. Presso l’area riservata dall’Azienda vinicola friulana  si sono potuti assaggiare  diverse qualità di “nettare di-vino” dai  pregiati rossi ,Cabernet Franc, Pinot Nero, Merlot, Rosato, per citarne alcuni  ai bianchi leggeri e profumati come il Sauvignon, la Ribolla gialla, il Chardonnay. Tutte degustazioni  di vini della nuova  linea MYO’ Vigneti di Spessa, una “etichetta ”  che nasce da una riflessione, da un   pensiero che Annalisa Zorzettig  ha saputo  trasformare  in un valore e  il cui significato vogliamo condividere insieme a voi raccogliendo la testimonianza di Annalisa :  “Anche nello scoramento si trova la via: è importante avere dei sogni, credere nelle emozioni e in se stessi perché la soluzione ai problemi il più delle volte è già dentro di noi. Dovevo decidere - racconta Annalisa - cosa scrivere sull’etichetta di questa nuova linea di vini, era una mia responsabilità, ho cercato e meditato a lungo,  finché ho trovato un testo, anzi alcune strofe di una ballata friulana. La più antica ballata in lingua friulana, composta a Cividale nella prima metà del XIV secolo. Ed è così che è nata l’etichetta “MYO’ Vigneti di Spessa” .MYÒ voluto da Annalisa Zorzettig  per esprimere  al meglio  i valori della terra friulana, le sue tradizioni, i suoi riti … le piccole semplicità del quotidiano, il lavoro appassionato e corale di tutta la famiglia, affetto più caro.  Ecco in questa interpretazione, in questo ritrovarsi nei valori antichi  noi friulani, noi nobili della Contea  di Roma ci riconosciamo un pò. Ecco che allora tutti insieme  applaudiamo  al successo di una imprenditrice, Annalisa Zorzettig. Grazie Annalisa

 

L'AZIENDA ZORZETTIG A ROMA

Piruç myò doç inculurit quant yò chi viot, dut stoi ardit.

 

Una serata dedicata a conoscere i vini e i prodotti di una zona vocata alla produzione di grandi vini, i Colli Orientali del Friuli. L’azienda di Annalisa Zorzettig di Spessa di Cividale, ha accettato la sfida di farsi conoscere attraverso i propri vini in connubio con la poesia. I vini in degustazione - Ribolla gialla, Friulano, Malvasia per i vini bianchi, Schioppettino, Refosco dal peduncolo rosso, Pignolo per i vini rossi e a chiudere il Picolit – sono risultati vini degni di dare una peculiare immagine del territorio, privi di banalità ma ricchi di piacevolezza. Myo: una linea il cui nome nasce da una poesia trecentesca, che partendo da tradizioni antiche legate alla passione per la vite ed il vino, vuole proiettarsi in un futuro di alta qualità. Soprattutto in un periodo di crisi, l’eccellenza del prodotto che rappresenta le peculiarità del territorio è destinata a sorprendere con successo. Una sorpresa resa ancora più piacevole quando il vino si combina con i sapori dei prodotti scelti tra i formaggi e i salumi friulani, sempre di alta qualità. Ringraziamenti e complimenti ad Annalisa, da parte dei Nobili della  Contea del Ducato dei vini friulani di Roma, per averci fatto trascorrere una serata di Friuli nella capitale!

 

traduzione in friulano

Mara Piccoli

I Nobili Leopoldo Gobbi,  Mara Piccoli con Annalisa Zorzettig

 

NUOVI NOBILI PER LA CONTEA ROMANA DEL DUCATO DEI VINI FRIULANI

 

Nei saloni dell’Unar, dove ha sede il Fogolâr Furlan della Capitale sabato 19 novembre 2011 il conte  Fabrizio I°   ha riunito i nobili della Contea di Roma per accogliere il Duca Piero I° (Piero Villotta) che insieme ad una delegazione della  Corte ducale del Ducato dei vini Friulani ha partecipato alla cerimonia di  intronizzazione” di  sette nuovi nobili  che andranno a rinforzare la contea.
La serata si è aperta con il saluto del conte Fabrizio I° che ha introdotto il Duca Piero I° invitandolo a dare corso alla investitura degli aspiranti. Serata delle  grandi occasioni alla quale sono intervenuti più di cento ospiti ad applaudire gli “aspiranti” che dopo il benvenuto di rito da parte del Duca hanno sorseggiato dal
graal” ( una coppa d’argento nella quale si versa del picolit d’annata) il di-vino nettare entrando a fare parte della grande famiglia ducale.
Gianni Bisiach, Ian Domenico D’Agata, Ugo Bari, Gabriele Peraldo Bertinet, Francesco Madotto, Bruno Ratti e Marina Petronio sono stati chiamati uno ad uno dall’araldo Silvano Bertossi e dopo la degustazione dal sublime calice  hanno ricevuto il diploma dalle mani del Duca.
Al termine della sontuosa cerimonia di “intronizzazione “ tutti gli invitati si sono trasferiti nelle sale d’onore per degustare l’ottima cena in onore dei neo-Nobili. Una serata straordinaria  allietata dalla voce della nobile soprano
Iwona Grzesiukiewicz che ha dato al convivio un atmosfera decisamente famigliare.

 Lettera di convocazione dei Nobili della Contea di Roma 19 nov.2011
 
 

ALLA TENUTA "LA CARLINA " DI TAVERNELLE

 

Sabato 18 giugno la Contea di Roma si è trasferita  a Montalcino per  trascorrere una giornata  fra i vigneti e le rigogliose colline di quella splendida parte della Toscana. Ha avuto l’onore infatti di essere invitata dal “nobile” appartenente alla contea di Roma, Danilo Tonon  che insieme alla  gentile consorte Janneth  ha accolto la “ rappresentanza nobiliare” giunta numerosa alla “Togata” ,  l’azienda agricola conosciuta in tutto il mondo per la qualità  e l’alta gamma di vino prodotto. Brunello di Montalcino  la Togata, il Brunello di Montalcino la Togata Riserva, il Brunello di Montalcino  la Togata dei Togati, l’Azzurreta, il Barengo e per finire  la morbida e profumata Grappa di Brunello. Questi i  prodotti d’origine controllata e certificata, alcuni dei quali  per la loro originalità e peculiarità  vengono serviti nei pranzi ufficiali alla Casa Bianca così come al Quirinale con grande soddisfazione dei proprietari di origine friulana (la famiglia di Danilo è originaria  delle nostre parti) Tutte qualità di vino che i Tonon hanno  fatto assaggiare ai  convenuti.  Invitati di tutto rispetto vista che da Udine è “scesa” una rappresentanza della Corte Nobiliare del Ducato dei Vini Friulani guidata dal Duca Piero I° che alla Togata si è unita ai nobili della Contea di Roma guidata dal Conte Fabrizio I°.Un’incontro che ha rinsaldato quel profondo legame che unisce il Ducato con la Conte romana sempre attenta alle attività   della “ casa madre “ . Un legame richiamato nel breve saluto  che il Conte Fabrizio I° ha   rivolto al Duca Piero I°  e a tutti i presenti. E’ poi intervenuto il Duca Piero I°  il quale ha ricordato come l’opinione sull’assunzione del  vino stia cambiando. Non più bevanda “messa in cattiva luce “ da attacchi dei media ma il vino come  e sempre di più alimento, il vino che diventa componente imprescindibile della zona d’origine, dell’area di produzione, il vino  come “promotore” naturale   del territorio delle storia e della tradizioni  delle “ sue” terre. Temi di grande attualità, soprattutto se ci  si riferisce  alla campagna  di responsabilizzazione  che il Ducato  ha avviato con i corsi di educazione al bere  responsabile  destinato soprattutto ai giovani che si sta svolgendo oramai da alcuni mesi in Friuli.L’incontro si è svolto quindi  nel segno della convivialità e dell’amicizia che ha  contraddistinto l’intera giornata. A condividere questi momenti di festa si sono ritrovati oltre ai Nobili citati, il Presidente del Fogolâr Furlan di Roma Adriano Degano insieme ai presidenti del Fogolâr di Firenze Rita Zancan del Gallo  e del Fogolâr dell’Umbria Tiziano Ronco ed ai  molti soci del Fogolâr della Capitale.Presenti i Nobili di Roma : Leopoldo Gobbi,Giuseppe Baruzzini (che oltre ad essere nobile-araldo è il presidente dell’Udinese Club di Roma), Carlo Gerosa, Giampiero Trovalusci , Francesco Pittoni, Mara Piccoli e naturalmente l’anfitrione  Danilo  Tonon. A Janneth , padrona di casa gli ospiti hanno  donato dei preziosi e  graditi omaggi fra i questi  una pergamena che riportava in versi un “lungo  pensiero” composto da Adriano Degano  e dedicato a nome di tutta la comitiva  ai coniugi Tonon in ricordo di questa straordinaria  giornata. 

   

Còme il gjenerôs Marco Aurelio, la Pâs romane                                             al puarte pal mónt 

Come il generoso Marco Aurelio, la Pace romana  reca nel mondo

 cussì il togât Danilo,  di gjarnazie furlane,                                     il Brunel saurit vin

così il togato Danilo, di Friûl progenie, il suo Brunello sapido vino

   

 al spànt, par transoceanichis stradis,                                    corpôs, turgit e rubicónt

effonde, per transoceaniche strade, turgido, corposo e rubicondo

     

cjapât su des productivis verdis culinis, dal medioeval Montalcin

tratto da floride collinari verdi tenute, del medioeval Montalcino

 * * *

 * * *

  Il  duca Pieri, cun Fabrizio cont, i Nobij  e chei dal Fogolâr plaudents

Il duca Piero, con Fabrizio conte, i Nobili  e quelli del Fogolâr plaudenti

   

al geniâl fatôr, cun agrat ‘e lassin chist, inebriâs e nevore contents

al genial fattore, lascian questo ricordo, inebriati, grati e contenti

(a.d.)

(a.d.)

 
 

Giu 18 ore 8,00, 2011. Avremo modo, assieme ai nobili del Ducato provenienti dal Friuli col duca Piero I (dr. Piero Villotta) e a quelli della Contea Romana con il conte Fabrizio I (dr. Fabrizio Tomada),  di visitare il centro storico medioevale di Montalcino e quindi di pranzare nella tenutaLa Togata” di Danilo Tonon, nella quale - oltre alle bellissime cantine di Brunello, potremo godere il meraviglioso panorama delle colline toscane del Chianti. Naturalmente degusteremo il sapido Brunello di  produzione tanto pregiata da far divenire Tonon  fornitore  della Casa Bianca,  del Presidente USA. Nel corso  dell’incontro conviviale si svolgerà anche la cerimonia di intronizzazione di un nuovo nobile.Nel pomeriggio, prima del rientro a Roma al convento di Monte Oliveto Maggiore potremo ammirare il celebre ciclo  di affreschi del Signorelli e del Sodoma.Occorre prenotarsi subito (posti limitati) con l’impegno a versare l’anticipo previsto (in sede, Via U. Aldrovandi, 16 - tel. 06 3226613). La partenza in pullman avrà luogo alle ore 8,00 precise da Via Marsala (lato Hotel Royal Santina).

 Lettera di convocazione dei Nobili della Contea di Roma - Escursione Montalcino

Mar 25 e 26, 2011 ore 16,30 -19,00. Nobili tutti venerdì 25 e sabato 26 marzo  è prevista la degustazione di vini dei Colli Orientali del Friuli prodotti da Giorgio Colutta.  L'appuntamento è  da Trimani Via Goito, 20 dalle 16.30 alle 19.30 - ingresso libero.
Si assaggeranno in anteprima i bianchi del 2010: Pinot Grigio, Sauvignon e Chardonnay. Inoltre si potranno assaggiare il Friulano e la Ribolla Gialla Cru del 2009 e i rossi Cabernet, Merlot e Refosco dal peduncolo rosso.
Dal 25 marzo al 2 aprile  verrà praticato uno sconto del 10% su tutti i vini di Giorgio Colutta presenti da Trimani. Ricordo a tutti i Nobili che con la famiglia  Trimani abbiamo stretto un rapporto speciale avendo eletto il "Trimani  Wine" di Via Cernaia , Delegazione di Roma  del Ducato dei Vini Friulani Un ulteriore  luogo di incontro di tutti i Nobili che si trovassero a transitare a Roma. Per noi Nobili della Contea di Roma  un altro punto di ritrovo per trascorre in amicizia e serenità qualche ora insieme. Un caro  nobile abbraccio a Voi tutti.                                                                                                                    Fabrizio I° (Fabrizio Tomada)

P:S. Chi fosse interessato può chiamare al 340.2518896

Dic 15, 2010 ore 19,00. Al WINE BAR  di Carla Trimani  figlia del  noto enologo Marco Trimani, in Via Cernaia 37/b - Roma,  avrà luogo un incontro sociale “al caminetto” promosso dalla Contea dei Vini friulani di Roma retta dal Conte Fabrizio Tomada. Interverrà per l’occasione il massimo vertice del Ducato dei vini friulani ,il Duca Piero I° (Piero Villotta) il quale assistito dal  Conte  procederà ad istituire a Roma  la prima delegazione del Ducato dei vini Friulani che avrà sede proprio nello storico locale di mescita di vini Trimani.  Nella stessa serata è prevista l’intronizzazione di due nobili di Roma che aderiranno alla Contea della capitale.  E’ inoltre  prevista la partecipazione dell’enologo di fama Pietro Pittaro presidente di Friuli nel Mondo. Sono particolarmente  attesi alla riunione  i Nobili della Contea nonché i soci del Fogolâr. Occorre prenotarsi entro lunedì 13 dicembre telefonando al Fogolâr n. 06 3226613. Seguirà una convocazione della Contea.  La segreteria fornirà tutte le informazioni utili . (Collare rosso per i nobili )

 Lettera di convocazione dei Nobili della Contea di Roma

Nov 19, 2010 Il Duca Piero I° (Piero Villotta )  ha dedicato  un Agape nobiliare, al “ bisato in speo, l’anguilla allo spiedo piatto tipico della più autentica tradizione della cucina  maranese. L’incontro si è tenuto venerdì 19 novembre, al ristorante “Ai Tre Canai” di  Giorgio Del Forno  titolare dello storico locale che sorge ai bordi dell’ incantevole laguna  di Marano  Lagunare. I  Nobili  del Ducato accorsi numerosi per  gustare le eccelse qualità del bisato maranese hanno potuto degustare i sublimi vini offerti dalle  prestigiose aziende vinicole del Friuli – vini dell’Azienda Agr. Bortolusso, della Tenuta Beltrame, dell’Azienda Agr. Isola Augusta – che hanno “accompagnato” con il loro profumo  tutta  la serata Spumante Brut,  Pinot Grigio 2009,  Sauvignon 2009, Merlot Rosato 2009,  Pinot Nero 2009, e  Verduzzo sono stai sapientemente abbinati  alle pietanze, tutte saldamente legate alla tradizione marinara locale, condite con la creatività e voluttà  della moderna arte culinaria di Giorgio. Il Duca dei vini friulani Piero I° (Piero Villotta)  che ebbe occasione di degustare il bisato in una delle sue prime uscite sul territorio regionale, annunciò in quella occasione  l’impegno a sostenere la valorizzazione delle peculiarità della riviera friulana. Piero I° ha mantenuto l’impegno e venerdì 19 salutato  dal Sindaco di Marano Lagunare, il Duca ha rivolto  il suo “apprezzamento” alle qualità del pregevole bisato  rivolgendo nel contempo un affettuoso grazie alle genti ed alla terra  di Marano Lagunare che hanno saputo preservare in tanti anni il patrimonio ed i valori della buona cucina rivierasca. La serata e stata onorata dalla presenza di Edoardo Raspelli  frequentatore delle riunioni della “Compagnia del bisato il quale dopo avere  lodato le arti di Giorgio Del Forno ha salutato con grande rispetto ed  affettuoso   entusiasmo  il Duca Piero I°  ed i nobili accorsi numerosi. All’Agape è intervenuto il Conte Fabrizio I°(Fabrizio Tomada), che è il  responsabile  della Contea di Roma il quale ha portato il saluto dei nobili della Capitale  auspicando quanto prima  una visita del Duca Piero I°  ai nobili di  Roma al fine di rinsaldare i legami  fra il territorio del Ducato, il Friuli e la città eterna.

Da sinistra – Carlo Morandini che guida la “Compagnia del bisato”, il Conte Fabrizio I°  (Fabrizio Tomada ) ed Edoardo Raspelli noto enogastroesperto).

Ott 27, 09 ore 18,30 In Via Aldrovandi 16,  incontro con il Duca Piero1°, (giorn. Piero VILLOTTA, nuovo reggente del Ducato dei vini friulani). Nell’occasione è stata organizzata una deliziosa CENA per la modica cifra di 40,00 euro a persona con   buon vino friulano.

 Gen 17-18, 09 ore 18,00 SUPERWHITES 2009 in 21 Enoteche romane (sabato ore 17,00-20,00) e  alla Città del Gusto Gambero Rosso  (domenica ore 15,00-19,30) ;

 Feb 13, 08 ore 18,00 SUPERWHITES 2008 In 17 Enoteche romane (sabato ore 17,00-20,00) e  all'Hotel Cavalieri Hilton (domenica ore 15,00-19,30) ;

 Apr 19, 06 ore 18,00  Nella Sede di Via Aldrovandi, 16, lo scrittore Claudio Fabbro presenterà il volume “Un vigneto chiamato Friuli – Dall’arrivo dei Romani alla partenza del Tocai”.   La manifestazione è stata promossa della Contea Romana del Ducato dei Vini  Friulani.  Brindisi offerto dal conte Fabrizio I° (Tomada) in onore dell’ospite Duca Emilio I° (Del Gobbo) e della Delegazione del Ducato.

Back to top of the page

 

 |  Home  |  Storia  |  Cariche Sociali  |  Eventi  |  Ufficio Stampa  |  Ducato Vini  |  Links  |  Contatti
2008 © Fogolâr furlan. Roma  Tutti i diritti Riservati.
Powered by courtesy of Fondazione I.B.M Italia

 Ultimo aggiornamento: 27-05-15